Trucco e parrucco. Rocchetti&Rocchetti, una garanzia del made in Italy

Più di 100 anni da professionisti per Rocchetti&Rocchetti, un laboratorio di alto artigianato famoso nel mondo del cinema, del teatro, dell’opera ma anche tra i privati per l’abilità nel confezionare parrucche così perfette da non sembrarlo. Esperti nell’arte dell’invecchiamento, il know how dei fratelli Manlio e Luigi Rocchetti, è un ever green del mondo dello spettacolo per la miscela di sapienza e moderne tecnologie che lo distinguono. Oscar, Nastro d’Argento, Emmy, Una vita per il cinema, Bafta e La chioma di Berenice sono alcuni dei riconoscimenti di successo ottenuti negli anni dal laboratorio specializzato anche in effetti speciali. Il segreto dei Rocchetti è la capacità di rendere reale la finzione, di interpretare un copione sfruttando, giusto per fare un esempio, le caratteristiche degli attori impegnati su un set: una ruga profonda si appiccica a un viso dove già comincia a intravedersi un segno. Arte nell’arte, che negli ultimi 40 ha contribuito a rendere indimenticabili i film di grandi registi italiani e stranieri come Scorsese, Altman, Scola, Salvatores. A fare la differenza è proprio il made in Italy dei Rocchetti, che da consulenti esperti abbinano la scelta di colori e materiali per rispondere alle esigenze di ogni tipo di scena. Un successo dopo l’altro, tra un calco e una parrucca, un make up, un viso invecchiato e una bocca rivisitata, hanno collezionato collaborazioni di grande prestigio, non ultima quella con la recente produzione di “Ben Hur” di Timur Bekmambetov. Tra i titoli più popolari tra il pubblico, che hanno impegnato il laboratorio c’è la divertente commedia “Zoolander” di e con Ben Stiller a cui si aggiungono il film “Il ragazzo invisibile” di Gabriele Salvatores, David di Donatello 2015, e il fortunato “Il racconto dei racconti” di Matteo Garrone. Famosi tra gli addetti ai lavori del grande schermo ma anche in teatro e in tivù, i Rocchetti hanno collaborato alla realizzazione di “The Mission” prodotto da FabMax Company, “I promessi sposi” di Michele Guardi, “Di nuovo buona sera” di Gigi Proietti, “Penny dreadful”, “Tale e quale show”, “Francesco”, la miniserie televisiva diretta da Liliana Cavani.

 



Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi