Rancati, centocinquantatre anni al servizio del mondo dello spettacolo.

Scultori, decoratori, fabbri, disegnatori, falegnami, artigiani sono la task force, il cuore dell’attrezzeria Edoardo Rancati, due sedi, una a Milano l’altra a Roma, che da quattro generazioni collabora con le più grandi produzioni teatrali, cinematografiche e televisive internazionali. Corazze, elmi, gioielli, mobili, accessori di ogni genere dalla preistoria al Novecento, realizzati artigianalmente e oggi plasmati con l’ausilio di materiali di ultima generazione quali resine e poliuretani utilizzati nell’industria meccanica e della nautica, che fanno dell’azienda a conduzione familiare una realtà innovativa. La Rancati intreccia storia e modernità, qualità e convenienza per chi affitta o commissiona la creazione di pezzi particolari da usare sul set, in eventi speciali e nelle ricostruzioni storiche. Fin dalla sua nascita nel 1864, l’attrezzeria si è spesa nella collaborazione con grandi artisti, non ultimi pittori del calibro di De Chirico, Savinio e Sironi. Tre nomi per sottolineare lo stretto rapporto tra artigianato made in Italy e arte, una partnership di successo, che ha permesso all’azienda di attraversare due secoli e di affacciarsi al Terzo Millennio senza temere la sfida con il tempo. Se gli elmi di Ben Hur e di Thor hanno contributo a ricostruire la credibile atmosfera storica che ha reso immortali i due film, il 2000 si è aperto con la collaborazione con Ridley Scott, regista del colossal ‘Il Gladiatore’ interpretato da un Russel Crowe sulla cresta dell’onda . Corazze perfette per una pellicola dai grandi incassi al botteghino, divenuta famosa per la scenografia, i dettagli e gli effetti speciali. Giusto un esempio da affiancare alle corone indossate dagli attori della serie tivù “I Tudors”, lanciata nel 2007, trentotto episodi e quattro seguitissime stagioni per raccontare il regno di Enrico VIII; ai gioielli de “I Borgia”; alle lanterne di ‘Gang of New York”; alle valige de “Il Padrino”; agli accessori de “Il paziente inglese”. Tutti sogni di celluloide in disordine cronologico per descrivere con poche parole la lunga esperienza di una realtà italiana famosa nel mondo



Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi